Eritrea in bicicletta

Un viaggio padre e figlio alla scoperta di una terra magica con una storia fortemente legata all'Italia.
Luglio 2019.

Pedalando a caccia di storie e di memorie

Volti e racconti di una terra a metà tra Africa ed Italia

persone 01
persone 02
persone 03
persone 04
persone 05
persone 06

Lorenzo e Fabio: un figlio, suo padre e la grande passione per la bici

lorenzo rinaldi
fabio rinaldi

Tekeste: il "gigante" dell'Eritrea

Tekeste Woldu, nato nel 1948 in Eritrea, è noto agli appassionati di ciclismo come "gigna" o meglio "il gigante" (in italiano). Alle spalle una storia che ha dell'incredibile e che lo ha portato dalla vita semplice nell'area rurale vicino ad Asmara fino alla capitale eritrea e successivamente in Italia. Il tutto grazie alla passione per la bicicletta, lo sport probabilmente più celebre e seguito nel suo paese e quasi una religione per lui.

Una carriera brillante e iniziata quasi per caso, costruendo pedali e manubri per bici da corsa nell'officina in cui aveva trovato lavoro da ragazzo. Un percorso che lo ha portato in pochi anni fino alla medaglia d'oro ai Giochi olimpici africani e ai tanti successi tra Giro d'Italia e Vuelta de España. Tekeste è oggi impegnato per sostenere lo sport nella sua terra natale cercando di aiutare ragazzi che, come lui, sperano un giorno di veder premiato il proprio talento.

Tekeste 01
tekeste 02
tekeste 03

< Successivo Tutti i post Precedente >

Questo sito non utilizza cookie persistenti e raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito o cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di più leggi la Privacy policy.